Verso la realizzazione

IL MONTAGGIO: LA FASE IN CUI UNA CALZATURA MADE IN ITALY PRENDE VITA

Montaggio

Un passaggio che lascia il segno

La scarpa perfetta esiste?

Si, solo se però è correttamente montata.

Negli articoli precedenti abbiamo visto come si svolge: la progettazione, il taglio e l’orlatura. Tutti questi passaggi  sono fondamentali per la creazione di una vera calzatura di qualità Made in Italy.

Una volta cucita la fodera e la tomaia di una scarpa però, cosa succede?

Si apre una nuova fase, quella in cui si comincia ad intravedere il prodotto nel suo insieme. In questo step il tacco, la suola e la tomaia vengono finalmente uniti. Per far si che tutto fili liscio come l’olio è importante che durante l’esecuzione del lavoro di montaggio, il professionista presti la massima attenzione.

Vi siete mai chiesti come si esegue il montaggio di una calzatura Made in Italy?

Se siete curiosi di scoprirlo, abbiamo riportato qui di seguito i punti essenziali di questa proedura.

·  Innanzitutto, viene applicato il sottopiede e poi la tomaia. Quest’ultima deve essere stesa sulla forma in legno in modo tale che aderisca perfettamente, servendosi anche dell’ausilio di macchinari. Così facendo, la pelle si modellerà garantendo la giusta altezza alla calzatura.

· La scarpa viene martellata e ’spianata’ con appositi apparecchi.

·  I bordi inferiori della tomaia vengono incollati al sottopiede e levigati con una smerigliatrice.

· Si cerca di fissare la suola attraverso una pressa che farà aderire perfettamente tomaia e suola. In alcuni casi, viene anche cucita a mano.

In conclusione, ricordate che se la tomaia non aderisce nel modo giusto alla forma, i motivi possono essere semplicemente due: o il modello della calzatura non è stato impostato nel modo giusto, oppure qualcosa è andato storto nelle fasi precedenti.

Chiaro, no?

Made srl

Piazza del Commercio 35
05018 Orvieto (TR)
PIVA: 01826910430

Follow